18 Aprile 2014

L’acqua come terapia. Il Progetto PITA

Progetto-PITA

“Senza amore non potremmo sopravvivere.
Gli esseri umani sono creature sociali e prendersi
cura gli uni degli altri a vicenda è la base stessa della nostra vita.”

Oggi vogliamo parlarvi di un bellissimo progetto realizzato dall’Associazione “Astrolabio” e sostenuto da noi del Gruppo Menarini, il Progetto PITA.

P.I.T.A è l’acronimo di “Progetto d’Intervento Terapeutico in Acqua” e aiuta i bambini con psicopatologie infantili e plurihandicap a sviluppare e sostenere le proprie funzioni intellettive e adattive in un ambiente del tutto innovativo… l’acqua, appunto!

Dal 2001, in collaborazione con il servizio di Neuropsichiatria Infantile, il P.I.T.A. porta avanti con amore e passione quest’attività, presso la micropiscina ITI di Firenze, prendendosi cura di bambini che vanno dai 3 ai 18 anni… e le soddisfazioni in questi anni sono state tante!

Infatti, proprio grazie all’acqua, è stato riscontrato nei bambini un miglioramento generale nell’area cognitiva, in quella emotivo relazionale e in quella motoria. In particolare, un aumento significativo delle capacità esplorative, attentive e comunicative; un miglioramento dell’umore, della socializzazione e della capacità di condividere esperienze ludiche in maniera significativa con i coetanei; un miglioramento degli schemi motori di base e nello specifico acquisizione delle abilità motorie del nuoto.

Impegnate in questo bellissimo progetto numerose figure professionali: neuropsicomotricisti, psicomotricisti, psicologi, pedagogisti e laureati in scienze motorie… e nel nostro piccolo anche noi, con il nostro sostegno!

Nel 2011, per il Progetto P.I.T.A., il nostro gruppo ha ricevuto il Fiorino Solidale, un’importante onorificenza che premia privati, aziende, associazioni e singoli cittadini che decidono di investire sul sociale.

Oggi, i bambini e ragazzi che svolgono queste attività sono 110 e noi tifiamo per tutti loro!

L’acqua come terapia. Il Progetto PITA ultima modifica: 2014-04-18T19:03:28+02:00 da admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Letta la avvertenza di rischio e l'informativa acconsento al trattamento dei dati personali comuni e sensibili, per consentire la pubblicazione e gestione del mio post sul blog

al trattamento per pubblicare il commento all’articolo

(*) Consenso necessario: in mancanza non potremo dar seguito alla Sua richiesta.