4 Febbraio 2019

Menarini Pills of Art: Pontormo e L’Adorazione dei Magi

Menarini Pills of Art

Il drappeggio delle vesti che rimanda a un universo dorato, intervallato dal rosso e impreziosito dal blu; la polvere dei cavalieri che lentamente procedono lasciandosi ai lati la fatica del percorso; e infine quell’unico personaggio, in fondo, a sinistra, che – solo leggermente, con la schiena – si discosta dal gruppo centrale per osservare, quasi di soppiatto, chi si pone davanti alla tela.

Ora che contempli simultaneamente i colori, il paesaggio e la naturalezza di quel volto, che ti sembra in fondo un po’ familiare, potrai comprendere il capolavoro dell’Adorazione dei Magi e il genio di Pontormo.

Menarini PIlls of Art: Pontormo

Il nuovo video di Menarini Pills of Art ci conduce all’interno della Galleria Palatina, in Palazzo Pitti, a Firenze, davanti alla grandiosa opera di Pontormo del 1519-1520 ca. raccontata da Giovanni M. Guidetti.

Stando alla precisa e dettagliata storiografia delle Vite di Vasari, la tavola – destinata al rifornimento ligneo dell’anticamera di Giovanni Maria Benintendi – venne realizzata dopo le storie Borgherini e prima di quelle inscritte nella naturalistica lunetta della villa di Poggio a Caiano.

Nell’elaborazione del soggetto il Pontormo si rifà alla tradizione fiorentina, inserendo raffinate citazioni di architetture cittadine, guardando anche alle stampe del fiammingo Luca di Leida e influenzato da Dürer. Dalle incisioni nordiche derivano i panni ridondanti, la caratteristica declinazione del paesaggio; la forte caratterizzazione fisionomica dei personaggi risente, invece, all’influsso di Leonardo.

Menarini Pills of Art: L’Adorazione dei Magi

La versatilità del Pontormo a catturare la naturalità dei personaggi, espressa attraverso le difformità fisionomiche che rendono espressivi fino al grottesco i volti degli uomini che compongono il corteo dei magi, riassume al meglio la sua bravura nel raccogliere spunti di differente provenienza ritraducendoli nel suo linguaggio artistico-poetico.

Il leonardismo della sua formazione è ben visibile, oltre che nei volti, anche nella polvere che avvolge i cavalieri: analogia precisa della zuffa della Battaglia di Anghiari.

Ma al di là di qualsiasi rimando artistico o letterario, quest’opera rimane, come sostenne i Vasari “nelle teste et in tutte l’altre parti varia, bella e d’ogni lode dignissima”.

Menarini Pills of Art: Pontormo e L’Adorazione dei Magi ultima modifica: 2019-02-04T10:00:43+01:00 da admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Letta la avvertenza di rischio e l'informativa acconsento al trattamento dei dati personali comuni e sensibili, per consentire la pubblicazione e gestione del mio post sul blog

al trattamento per pubblicare il commento all’articolo

(*) Consenso necessario: in mancanza non potremo dar seguito alla Sua richiesta.