23 Novembre 2015

Menarini al fianco dell’ospedale pediatrico Meyer: alleati per i piccoli pazienti

Menarini Meyer

Guarda il video della giornata. Per visualizzarlo basta cliccare al centro della finestra sul pulsante play o in basso a sinistra.

Comprendere i più nascosti meccanismi genetici e mettere a punto terapie personalizzate per i pazienti più piccoli affetti da complesse patologie. Potrebbe sembrare la medicina del futuro e invece si tratta di una bellissima storia tutta italiana che promette di dare da subito importanti risultati e una forte accelerazione nel campo della ricerca e della diagnostica. Non serve andare oltreoceano per toccarla con mano, da oggi infatti grazie a Menarini Silicon Biosystems, azienda del Gruppo Menarini, tutto questo è possibile a pochi passi da Firenze all’ospedale Meyer, struttura sanitaria adibita alla cura dei bambini.

Menarini al fianco dell’Ospedale Pediatrico Meyer: arriva il DEPArray System 

Si tratta del DEPArray” System, uno strumento donato dal Gruppo Menarini alla struttura fiorentina e brevettato da due ingegneri italiani che sono riusciti a riunire le potenzialità dell’ingegneria elettronica alla biologia per la gestione digitale delle cellule umane. Questo macchinario è infatti in grado di isolare in maniera automatica, singole cellule rare presenti in vari liquidi biologici. Le cellule selezionate vengono mantenute vive e capaci di riprodursi, pronte quindi a essere sottoposte a successive e più approfondite indagini molecolari.

Si tratta quindi di un vero e proprio detective tecnologico che apre nuove strade verso la ricerca e verso lo sviluppo di terapie sempre più personalizzate grazie all’accuratezza nella selezione cellulare con grado di purezza del 100%.

“Il DEPArray System consentirà a due grandi gruppi di ricerca, quello delle neuroscienze e quello oncologico, di avviare ricerche importantissime alla base di questa nuova strumentazione – ha affermato Alberto Zanobi, Dir. Generale AOU Meyer di Firenze – che consentirà una vera rivoluzione e cioè quella di approdare ad una medicina personalizzata“.

Nel caso specifico dell’applicazione di questo sofisticato strumento alla cura dei tumori, sarà possibile isolare e selezionare anche poche cellule circolanti e purissime ed estrapolare informazioni importanti come markers per la valutazione e l’eventuale sviluppo della terapia più appropriata. Si realizza così una importante collaborazione tra un’impresa italiana e un ospedale pediatrico che aiuterà a portare maggiore chiarezza nei risultati diagnostici di tutti quei piccoli pazienti affetti da malattie complesse grazie a una tecnologia avanzatissima a livello mondiale.

Leggi anche: Lucia Aleotti: “Cellsearch CTC e DEPArray insieme per la cura dei tumori”

Menarini al fianco dell’ospedale pediatrico Meyer: alleati per i piccoli pazienti ultima modifica: 2015-11-23T11:28:50+02:00 da admin

2 Commenti

  1. Avatar commentoveriano Vidrich

    Meno male che esistono ancora Menager industriali farmaceutici che non pensano solo al puro guadagno e che, bontà loro fanno del bene ove necessita.Iddio gliene renda merito.

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Letta la avvertenza di rischio e l'informativa acconsento al trattamento dei dati personali comuni e sensibili, per consentire la pubblicazione e gestione del mio post sul blog

al trattamento per pubblicare il commento all’articolo

(*) Consenso necessario: in mancanza non potremo dar seguito alla Sua richiesta.