10 aprile 2018

Obiettivo Menarini Biomarkers Singapore: contribuire a un rapido sviluppo della medicina di precisione

menarini biomarkers singapore

A 10.000 km di distanza dall’Italia, precisamente nella “Città del Leone” di Singapore, ha sede la Menarini Biomarkers Singapore (MBS), ramo del nostro Gruppo che si occupa, dal 2011, della ricerca di nuovi biomarcatori per la medicina personalizzata.

In stretta sinergia con il Singapore General Hospital – Sing Health, uno dei più grandi ospedali asiatici dove si fa ricerca clinica, vengono portate avanti ricerche per lo sviluppo di sistemi diagnostici basati su nuovi biomarkers cellulari che dovrebbero permettere di predire e di seguire le risposte alle terapie, sia in campo oncologico che in altri campi come l’infiammazione e l’autoimmunità.

Utilizzando la tecnologia del DEPArray della Menarini Silicon Biosystems, la MBS cerca anche di isolare, da un prelievo di sangue, cellule estremamente rare, sempre ad uso diagnostico, come le cellule fetali circolanti che si trovano nel sangue delle donne in gravidanza. Questa semplice analisi del sangue dovrebbe permettere in un futuro non troppo lontano di sostituire l’amniocentesi e di poter dare una diagnosi prenatale certa senza dovere fare un esame diagnostico invasivo.

Scopri di più sulla tecnologia DEPArray.

Ricerca farmaceutica Menarini: dall’Italia a Singapore

Sotto la guida dell’ingegnere nucleare Luigi Ricciardi, i nostri ricercatori Menarini di Singapore stanno lavorando nel campo della ostetricia, dell’oncologia, dell’oculistica e della reumatologia; inoltre stanno programmando anche studi sulle malattie neurodegenerative e autoimmunitarie incluso il diabete e la sclerosi multipla.

«In campo ostetrico – spiega l’amministratore delegato di Menarini Biomarkers, Ricciardi – l’obiettivo è poter fare una diagnosi prenatale non invasiva che sostituisca l’amniocentesi e la villocentesi, procedure invasive e rischiose sia per la mamma che per il bambino. Il tutto grazie a un semplice prelievo di sangue materno che sappiamo contiene poche decine di cellule fetali rilasciate nel circolo sanguigno. Con l’approccio messo a punto da MBS, è possibile isolare queste rarissime cellule fetali sulle quali si possono effettuare le analisi genetiche. Rispetto allo screening del DNA fetale circolante, che può dare una indicazione di possibili malattie genetiche ma non fornisce una diagnosi prenatale certa, MBS ha invece l’obiettivo di fare diagnosi prenatale su cellule fetali integre, come si fa nell’amniocentesi o nella villocentesi.»

Attualmente è in corso la validazione della metodica su 100 future mamme italiane (caucasiche) e 100 mamme asiatiche di Singapore perché ci sono delle variabili importanti nelle popolazioni: per esempio il sangue delle mamme asiatiche ha caratteristiche diverse da quello delle mamme europee e i protocolli devono tenerne conto. La sfida consiste nell’isolare le cellule target che ci interessano: considerando che in 20 ml di sangue sono presenti miliardi di cellule materne e solo poche decine di cellule fetali occorre un grande lavoro di selezione per eliminare quasi tutte le cellule materne senza “perdere” quelle fetali per consentire poi l’analisi con il DEPArray. Non esistono tecnologie di isolamento di cellule rare e vive che facciano quello che fa oggi la tecnologia del DEPArray.

Spostandosi in campo oncologico, la biopsia liquida – un esame veloce, per niente invasivo né doloroso – potrebbe a breve accompagnare o addirittura sostituire la biopsia del tessuto neoplastico. Infatti recenti studi stanno dimostrando come sia importante conoscere le mutazioni delle cellule tumorali (che in piccola quantità circolano anche nel sangue) per decidere la terapia e seguire la risposta ai farmaci che sono sempre più specifici e numerosi. Quindi per ogni tumore ci vuole la terapia giusta che sarà diversa da soggetto a soggetto perché ogni tumore è diverso. Conoscere la sua localizazzione non è più sufficiente ed è sempre più importante conoscere le mutazioni delle cellule tumorali che possono anche variare nel tempo in uno stesso individuo. Per questo si parla di medicina personalizzata o di precisione.

Menarini Biomarkers Singapore: “apriamo la strada alla medicina personalizzata”

L’obiettivo di Menarini, e in particolare di Menarini Biomarkers Singapore, è quello di perfezionare nuovi strumenti diagnostici non invasivi per spostarsi sempre di più verso una medicina di precisione che sarà la nuova frontiera per predire e controllare in maniera molto più efficace le malattie umane.

La medicina di precisione – continua Ricciardi – avrà un impatto fortissimo anche sulla prevenzione delle malattie e quindi sulla riduzione dei costi dei sistemi sanitari oltre che sulla qualità della vita delle persone.

Le nostre ricerche hanno suscitato un grande interesse a livello internazionale, per cui il Gruppo Menarini ha sviluppato una rete di collaborazione con  vari paesi. I progetti vengono sviluppati attraverso una nostra piattaforma che si chiama Virtual Innovation Centre che si apre alle eccellenze scientifiche e cliniche internazionali – le Istituzioni ospitanti – attraverso accordi di collaborazione.»

Obiettivo Menarini Biomarkers Singapore: contribuire a un rapido sviluppo della medicina di precisione ultima modifica: 2018-04-10T11:29:21+00:00 da admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Letta la avvertenza di rischio e l'informativa acconsento al trattamento dei dati personali comuni e sensibili, per consentire la pubblicazione e gestione del mio post sul blog

al trattamento per pubblicare il commento all’articolo

(*) Consenso necessario: in mancanza non potremo dar seguito alla Sua richiesta.