17 maggio 2017

Cinque supereroi per sconfiggere l’obesità infantile

obesità infantile

Si chiama Dammi il cinque ed è il nuovo progetto educativo ideato da pediatri e nutrizionisti per sconfiggere l’obesità infantile e insegnare ai bambini delle scuole primarie l’importanza di una sana alimentazione, in modo divertente e con l’aiuto di 5 supereroi colorati e pieni di energia.

Il nome del progetto, Dammi il cinque, fa appunto riferimento al numero di porzioni di frutta e verdura che si dovrebbero consumare nel corso della giornata per garantire il giusto apporto di vitamine, minerali, antiossidanti e fibre.

Menarini sponsor di “Dammi il 5!”: la dieta corretta per sconfiggere l’obesità infantile

Il fenomeno relativo all’eccesso di peso nei bambini sta diventando un problema ormai diffuso in Europa e anche in Italia, nonostante il nostro paese sia una delle patrie della dieta mediterranea. Si osserva, infatti, che molti sono i bambini che hanno seri problemi con la bilancia, che portano avanti un’alimentazione scorretta e fanno scarsa attività fisica.

«Un bimbo italiano su tre è in sovrappeso – afferma Alberto Villani, presidente della Società Italiana di Pediatria (Sip) – e all’origine vi è una dieta squilibrata e troppo ricca di grassi e una diffusa sedentarietà.»

Da questa riflessione il Gruppo Menarini ha deciso di dare il suo supporto incondizionato al progetto.

Cosa prevede il progetto Dammi il cinque!

Dieta squilibrata e sedentarietà non sono gli unici problemi che portano all’obesità infantile: tra le cause c’è anche l’avversione dei bambini nei confronti di frutta e verdura. E allora perché non chiedere aiuto ai supereroi e raccontare le loro avventure?

L’idea è infatti quella di suscitare il desiderio di immedesimarsi in questi eroi e di diventare come loro: ma per diventare supereroi è necessario mangiare molta frutta e verdura perché è proprio lì che si nasconde il segreto dei loro superpoteri!

Al bianco della mela, della pera e della banana, ricche di potassio, è infatti associato il “super potere della forza eccezionale”;
Al verde del kiwi, della lattuga e dell’uva, ricche di magnesio, il “super potere dell’ultravista”;
Al viola dei lamponi, delle more e dei mirtilli la “memoria enciclopedica”.

Dalla Lombardia alla Puglia: per sconfiggere l’obesità infantile

Il pacchetto educativo prevede la visione di una serie di cartoni animati, una guida, incontri informativi per gli insegnanti, un libro di avventure per bambini, un evento finale nei teatri e uno speciale concorso tra scuole che coinvolgerà cinque regioni – Calabria, Puglia, Lazio, Piemonte, Lombardia – per incontrare i bambini dai sei agli otto anni e i loro genitori.

L’iniziativa, patrocinata dalla Sip, è realizzata con il contributo scientifico dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e la collaborazione della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP), dell’Associazione Dietetica e Nutrizione Clinica (ADI).

Ti potrebbe interessare App per il diabete dedicata ai bambini e ragazzi: GlucoLog Kids & Teens Diabetes

Cinque supereroi per sconfiggere l’obesità infantile ultima modifica: 2017-05-17T15:02:00+00:00 da admin

3 Commenti

  1. Avatar commentoSomonetta Draghetti

    Molto interessante anche se per il momento non coinvolge l”Emilia Romagna. Sono di Bologna e ho due nipoti di 10 anni sovrappeso. Cerchiamo di tenete sotto controllo il cibo e di aumentare attività fisica. Ma tutto è molto difficile. Spero mi possiate tenere aggiornata sul vostro lavoro.

    Replica
  2. Avatar commentomargherita

    bellissima iniziativa!!!! un vero esempio di come essere vicini ai cittadini a di dimostrazione che anche le multinazionali del farmaco investono sulla prevenzione senza il doppio fine del guadagno! BRAVI!!!

    Replica
  3. Avatar commentoEmanuela

    Salve,sono la mamma di due bimbe di 4 e 8 anni, le ho abituate sin dalla più tenera età a mangiare tanta verdura e a dir la verità un po meno frutta. Gli ho sempre dato il buon esempio e quando c’è stato qualche rifiuto, ho spiegato l’importanza che hanno le varie vitamine sull’assorbimento del ferro, ad esempio, o sulla vista o sulla pelle o sulla prevenzione dei tumori, etc… Mi sento soddisfatta del lavoro fatto su di loro…perché una giusta dieta s’impara da piccoli…

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *